Events

MAZARA DEL VALLO 6/7/8/9 maggio 2014 le giornate della Pace  “LiberiAmo la Pace” 6 maggio 2014 - Dalle ore 18.00 fino alle 22.00 Mostra di fotografie, manifesti, cartelloni, dipinti, elaborati grafici e quant’altro sarà preparato dagli alunni delle scuole di ogni ordine e grado e dalle Associazioni che ne faranno esplicita richiesta, presso l’atrio del Centro Polivalente di Cultura e l’atrio del Palazzo dei Carmelitani. Le scuole e le associazioni saranno autonomi per la sistemazione e la realizzazione delle mostre da loro organizzate. Nella stessa giornata l’artista torinese Giustino Caposciutti, all’interno del Palazzo dei Carmelitani, con l’aiuto degli alunni delle scuole e con i volontari...

ROMA, 6 marzo 2014 - È stato presentato a Roma al Senato della Repubblica, alla presenza, fra gli altri, del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e del Presidente del SenatoPietro Grasso, su iniziativa dell’associazione Percorsi il volume "Emilio Colombo per l’Italia e per l’Europa, conversazioni con Arrigo Levi"           Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano saluta Arrigo Levi [...

At an event held in Mazara del Vallo on November 27th, 2013 the most significant educational agency, that is, local schools and associations have signed the Brussels Declaration "Pledge to Peace ", a declaration of intent committing signatories to promote, through project proposals, processes and initiatives for peace education aimed at promoting the well-being of peoples. The Declaration was signed for the first time on November 28th, 2011 in Brussels at the European Parliament, in the presence of Prem Rawat, the first vice-president of the European Parliament hon. Gianni Pittella and prominent Italian and European organizations and institutions, including the municipality...

ROME, December 3, 2012 - In the Zuccari hall of  Palazzo Giustiniani, at the Italian Senate, took place the conference "The Declaration of Brussels 'Pledge to Peace' - from the European Parliament to Rome, the path of Peace continues". Speakers of the conference were the President of the Senate, Renato Schifani, the Minister for International Cooperation ,Andrea Riccardi, the Vice President of the European Parliament, Gianni Pittella, the Vice Minister of Education, Marco Rossi Doria, the Senator fEmilio Colombo, Prem Rawat, prominent international personality on the theme of peace. On this occasion, Prem Rawat was awarded with the title of Ambassador of the...

On December 3 2012 at  Palazzo Giustiniani,  Italian Senate,  there will be  the event  "The 'Pledge to Peace' Brussels Declaration  - from the European Parliament to Rome, the route of Peace continues". The event coincides with the first anniversary of the 'Pledge to Peace', a document of intent for peace born under the aegis of the First Vice President of the European Parliament and signed by Italian and foreign institutions  at the conference "Peace and Prosperity" held on November 28, 2011 at the European Parliament. The event is organized by the Associazione Percorsi, as secretariat of the Brussels Declaration. The event will be broadcast...

Moscow, Russia - June 29, 2012 -  «Слово о мире»  The event "Notes on Peace" was held at the Library of Foreign Literature, an important center for cultural and international relations. The event, sponsored by Synergy - University of Business and Finance of Moscow,  and the Ismail Akhmetov Foundation, was held in front of an audience of academics and University students. After the impressive performance of a sonata by Tchaikovsky, the Rector of the Sinergy University , Professor Uriy Rubin, talked about the history of the young University and its  interest for peace. Prem Rawat, in his address full of tales and stories very much appreciated...

Rome, June 1st, 2012 - As part of the "Pledge to Peace", the Convitto Nazionale School "Vittorio Emanuele II " organized a meeting with the Hon. Gianni Pittella, the 1st Vice President of the European Parliament, on the following themes: -Diversity and Legality (Path to citizenship education extended to the European dimension) -Peace and Prosperity, the founding values of the European Union. Read more (in Italian)...

Monday, November 28, 2011 - "Peace and Prosperity - the Founding Values of the European Union" - The Lectio Magistralis by Prem Rawat is followed by the signing of the "Pledge to Peace", a declaration of intent that commits the signatories - representatives of the European institutions, non-profit organizations, universities, public and private organizations - to promote and develop initiatives of peace in Europe, for a society based on human dignity, well-being, solidarity, equality and freedom among peoples. The Pledge to Peace initiative is sponsored by the First Vice-President of the European Parliament, Hon. Gianni Pittella, and it is part of the conference...

Prem Rawat in Mazara del Vallo on May 27  2011, during the Week of Peace and Solidarity. On the occasion of an initiative promoted by the Municipality of Mazara del Vallo, which  involves the city's students on the topics of peace and humanitarian activities through the "Prize for Peace-The Prem Rawat Foundation”, the Mayor  Hon. Nicolò Cristaldi organizes, in collaboration with TPRF and  Associazione Percorsi, the Week of Peace and Solidarity from May 23 to 28. The week will feature exhibitions, projections and many other initiatives to promote the theme of the event, which will be especially focused on TPRF activities and...

The City of Mazara del Vallo, in collaboration with "The Prem Rawat Foundation" and the Associazione Percorsi , promotes the 1st CONTEST "PRIZE FOR PEACE" on the theme  "Peace: Humanity Heritage and  Human Right. Propose a project for a humanitarian initiative able to begin to build in your city a real Land of Peace. " For all the details: Concorso per le scuole (in Italian only)...

"A Message of Peace" contains reflections and significant steps taken by the speeches of Prem Rawat. On the occasion of the International Day of Peace 2010, on September 21st, the United Nations included the video "A Message of Peace" as part of the United Nations International Day of Peace Global's broadcast. Television broadcasting satellite will be visible with Italian translation: THE NEW TV - SKY Channel 942 - Saturday, September 25 at 21:30 (Satellite hotbirth 13 East Frequency 14411 Polarization Horizontal FEC - 3/4 Symbol rates 27,500) To visit the page that the Basilicata Region dedicated to this event (only in Italian)...

European Parliament, Brussels - "Words of Peace for Europe" On 29 June 2010 in Brussels, at the European Parliament, was held an international conference - initiative of the first Vice-President, Mr Gianni Pittella - attended by people from all over the world. The conference was characterized by the presence of Prem Rawat, authoritative voice for peace in the world. Among the leading authorities was also present Pavel Borodin, Secretary of State of the Union Russia and Belarus, actively engaged in the care of orphans. The conference was opened  by  Hon. Pittella, who reminded the audience that the task of the Institutions is to create the...

Nell’affascinante Teatro Verdi di Padova sono state accolte con entusiasmo da un pubblico locale e internazionale le parole dell’ambasciatore di pace Prem Rawat. Angelo Baiguera, presentatore della manifestazione, dando il benvenuto ai presenti, ha letto il messaggio augurale inviato dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in segno di apprezzamento e augurio per un buon svolgimento dei lavori. L'onorevole Anna Milvia Boselli, consigliere del comune con delega alla pace, ha evidenziato quanto il tema della pacifica convivenza sia l’obiettivo perseguito da numerose attività svolte dal comune e della provincia e ha quindi sottolineato come le parole di Prem Rawat possano portare un notevole...

Sondrio, 22 giugno 2010 - Si è conclusa con grande successo la conferenza dell’ambasciatore di pace Prem Rawat , svoltasi nella suggestiva cornice della centralissima Piazza Garibaldi a Sondrio. Il sindaco Alcide Molteni e l’assessore Marina Cotelli hanno dato il benvenuto all’ospite di fronte a un folto pubblico sia locale che internazionale, dando lettura del messaggio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, inviato in segno di apprezzamento e augurio per un buon svolgimento dei lavori. Introducendo la serata il Sindaco Alcide Molteni ha auspicato che ognuno possa trovare  la pace in se stesso, ritrovando i valori interiori, etici e civili oggi in...

Prem Rawat ha ricevuto il titolo di “Ambasciatore di Pace" della Regione Basilicata, dopo aver parlato davanti a un pubblico illustre in un evento tenuto a Potenza il 3 luglio 2009.

Prem Rawat ha risposto all' invito dal presidente della Giunta regionale della Basilicata, on. Vito De Filippo ed è stato ricevuto dal senatore a vita Emilio Colombo, già presidente del Parlamento Europeo e già Primo Ministro della Repubblica Italiana.

Nella sua presentazione all’evento, dal titolo “Pace, Patrimonio dell’Uomo”, all’interno del Conservatorio Musicale dell’antica città di Potenza, il governatore De Filippo ha detto tra l’altro:

“In verità, siamo ansiosi di ascoltare il contributo illuminante che ci giungerà dal pensiero di Prem Rawat. Credo fermamente che nel profondo del nostro animo si trovino le fondamenta più solide che ci permetteranno di portare la pace. Questa sera sarà piantato un seme di grande importanza, che noi nutriremo e faremo crescere, perché questa nostra terra è una terra di pace.”

Il senatore Emilio Colombo ha salutato Prem Rawat dicendo:

“Il mio saluto è rivolto a lei, perché lei è veramente un portatore di pace. Potenza è solo uno dei luoghi in cui lei si ferma nel suo continuo viaggiare e spero che sia uno scenario favorevole.”

Poi, citando e parole del Sig. Rawat ha detto: “Se volete la pace, preparate la pace.”

Prem Rawat ha ringraziato il Governatore e il Presidente e ha detto tra l’altro che né la tecnologia né l’istruzione porteranno la pace, solo le persone potranno portare la pace.

Alludendo alla popolazione mondiale, ha aggiunto di avere non solo un milione, ma sette miliardi di ragioni perla pace.

“Dobbiamo imparare a stare insieme,” ha detto, “e ciò può solo accadere se ne vediamo la necessità.”

Prem Rawat ha poi aggiunto:

“Volete fare qualcosa di veramente divertente? Lavorate per portare la pace sulla terra. Una candela accesa ne può acce

ndere mille. Per quanti di noi che siamo qui, se possiamo accrescere l’interesse verso la pace in questo mondo, succederà qualcosa di bellissimo.”

Dopo il conferimento di una targa in riconoscimento della sua opera come messaggero di pace, Prem Rawat è stato salutato da un lunghissimo applauso.

Tra gli illustri ospiti erano presenti Renato Cantore, caporedattore di TGR RAI Basilicata, i consiglieri regionali della Salute, dell’Industria, del Turismo, delle Infrastrutture e dei Trasporti, nonché importanti nomi dell’imprenditoria locale, studenti del Conservatorio di Musica, ospiti dell’oratore e molti ospiti provenienti da tutto il modno, fra cui Australia, Israele e Stati Uniti.

L’evento è stato trasmesso nei cinque giorni successivi da un canale TV locale, La Nuova TV.

[gallery link="file" order="DESC"]

Il Comune di Mazara del Vallo, per affermare il diritto fondamentale dell’uomo di vivere in un mondo di pace in piena e totale integrazione, ha accolto entusiasticamente Prem Rawat a Mazara del Vallo in un evento speciale in suo onore, dal titolo “Pace, un diritto di ognuno, patrimonio dell’umanità”. Dopo una cerimonia nella Sala del consiglio comunale, dove il sindaco Giorgio Macaddino gli ha conferito la cittadinanza onoraria, è stato organizzato un incontr fra Prem Rawat  e una rappresentanza degli studenti che hanno potuto confrontarsi con le loro domande e riflessioni sulla pace. A questa manifestazione è poi seguita un’affollatissima conferenza al...

Il Comune di Agrigento ha voluto arricchire la Sagra del Mandorlo in Fiore del 2009 di un significato più ampio, promuovendo il ruolo della Città come centro vitale per la diffusione della cultura della pace. Il Sindaco di Agrigento ha invitato Prem Rawat come ospite d’onore per accendere il tripode della pace e della fratellanza tra i popoli per l’inaugurazione della Sagra del Mandorlo in fiore, dedicando al tema anche una specifica conferenza al Teatro Pirandello che ha avuto Mr. Rawat come relatore principale. Il sindaco di Agrigento Marco Zambuto ha presentato l’evento, al quale partecipavano autorità militari e civili e un...

Rispondendo ad un invito della Città di Corleone, l’associazione Percorsi ha avuto la possibilità di portare in un luogo simbolo della Sicilia un’edizione speciale del ciclo di conferenze già ospitato in altre città italiane. A lungo voluta come momento importante del processo di cambiamento in atto, la manifestazione ha fatto di Corleone una piattaforma internazionale per lanciare un messaggio di pace con un valore universale. Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha espresso agli organizzatori il suo vivo apprezzamento per l’iniziativa complimentandosi con l’amministrazione di Corleone per la sensibilità dimostrata verso il tema della pace. La manifestazione ha ricevuto anche il pieno appoggio del Presidente del Senato, on. Renato Schifani, che si è congratulato per questa ulteriore occasione di promozione della cultura della pace. L’evento si è svolto nella piazza principale della città ed ha ricevuto una forte adesione della cittadinanza corleonese e di intervenuti provenienti da tutta la provincia di Palermo. Più di dieci Sindaci hanno presenziato in rappresentanza dei Comuni più importanti del territorio ed esponendo i gonfaloni delle loro città. Anche la Municipalità di Palermo ha voluto creare un collegamento ideale tra la manifestazione di Corleone e quella tenuta a Palermo due giorni prima, inviando il gonfalone storico del capoluogo regionale. Agli organizzatori e alla Città di Corleone sono giunti i patrocini della Presidenza del Consiglio, dei Ministeri dell’Interno e della Giustizia e del Ministro per i Diritti e le Pari Opportunità. Tra i promotori a livello regionale la Regione Siciliana, l’Assemblea Regionale Siciliana e la Provincia di Palermo.

La conferenza ha rappresentato la continuazione di un ciclo di eventi, organizzato dall’associazione Percorsi, che ha incontrato l’interesse di numerose Amministrazioni Regionali e Comunali italiane. La Municipalità di Palermo ha messo al centro della propria azione la promozione del ruolo della Città come punto vitale per la diffusione della cultura della pace e ha quindi voluto fare dell’evento un’occasione speciale, per esporre e trattare un tema centrale del nostro tempo e di particolare rilievo per Palermo e per la Sicilia. Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha inviato un messaggio personale di augurio agli organizzatori nel quale ha espresso vivo apprezzamento...

Parte del ciclo di eventi dal titolo "Pace, un messaggio senza confini", organizzato dall’associazione Percorsi, la manifestazione si è svolta a Trieste su invito della regione Friuli Venezia Giulia, ed ha segnato l’avvio alle manifestazioni dedicate alla celebrazione della caduta definitiva delle frontiere tra Italia e Slovenia il 31 Dicembre 2007. Come l'evento tenuto pochi mesi prima presso la Presidenza del Senato, anche questa conferenza si è svolta sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica. Il Presidente Giorgio Napolitano ha fatto pervenire un messaggio personale di augurio agli organizzatori e agli intervenuti. Anche il Presidente del Senato, on. Franco Marini, ha inviato un messaggio nel quale ha espresso la sua piena adesione all’iniziativa e sottolineato come i temi della pace e dell’affermazione della dignità della persona esigano, oltre all’adesione, l’impegno di una politica sempre più fortemente orientata alla promozione dei valori umani. La platea italiana e internazionale ha incluso una forte partecipazione dalla Slovenia, dall’Austria, dalla Germania e da numerosi altri paesi europei. L’evento ha ricevuto i patrocini della Presidenza del Consiglio, dei Ministeri degli Affari Esteri e dell’Interno e del Ministro per i Diritti e le Pari Opportunità. Il Presidente del Consiglio Regionale del Friuli Venezia Giulia Alessandro Tesini ha introdotto il tema e l’ospite della serata:   “Ho avuto la fortuna e il piacere il 26 di aprile di quest’anno di poter ascoltare Prem Rawat a Palazzo Giustiniani. Data la mia età, dire che sono stato rapito forse mi pare eccessivo, però è stato un incontro davvero straordinario. Perché il problema non è dire bene le cose complicate, il problema è dire bene le cose semplici. E spiegare una cosa che tutto sommato viene detta da tanti anni, che la pace nasce innanzi tutto dentro di noi e spiegarlo in maniera persuasiva, convincente, in un mondo come questo, è un impresa difficile. E Prem Rawat ci riesce. Questo è il punto”. Sul significato dell’ospitare la conferenza a Trieste ha poi aggiunto:   “In quell’occasione ci siamo detti: ‘Pace, messaggio senza confini’...  dove meglio della nostra regione, in questa città, poter spiegare che al di là delle disgrazie della storia e di quello che gli stati sono stati capaci di fare in tanti anni, nel cuore delle persone, nel cuore di tutti c'era il messaggio e la spinta verso la pace”. Prem Rawat, oratore principale dell’evento, ha poi descritto come ognuno abbia le proprie soluzioni in favore della pace: “Qualcuno arriva e dice: ‘Se solo potessimo riunirci assieme, e mettere da parte le nostre differenze’… E’ una bella teoria. Ma non ha funzionato. Come mai? Neanche quattro bambini riescono a farlo! Avete mai visto quattro bambini stare assieme e mettere da parte le loro differenze? Io no. Basta solo una palla, un solo gelato, ed è finita… ”. E sottolineando la sproporzione tra l’attitudine al conflitto e gli sforzi per la pace: “Abbiamo una lunga lista, estremamente lunga, dei motivi per cui dovremmo combatterci. E abbiamo solo poche note scritte a malapena su un foglietto dei motivi per cui non dovremmo combattere. Da una parte nutriamo le prossime generazioni, e dall’altra prepariamo la loro uccisione. E’ una ben strana dicotomia quella in cui siamo intrappolati...” Ha poi proseguito esponendo la contraddizione per cui una quantità impressionante di denaro viene speso per la guerra ma molto poco per la pace e ne ha fornito una possibile chiave di lettura: “Se non ci è possibile conquistare la pace allora abbiamo un problema capitale. Vuol dire che non riusciamo a comprendere il significato della vita, cosa voglia dire esistere. Cos’è davvero la pace? E da dove proviene il desiderio di pace? E’ forse stato qualcuno che ha deciso a tavolino che avere pace nel modo è una buona idea? Oppure la pace è innata, così come è innato il desiderio di essa in ogni essere umano sulla faccia della terra? Questa domanda a mio parere è centrale, perchè se il desiderio di pace è innato e fondamentale per ogni essere umano – come il cibo, come il sonno, il respiro, l’acqua – se è davvero fondamentale, se cioè senza non possiamo esistere, allora in sua assenza tutto è fuori equilibrio. E’ questo il nostro fondamento. Il bisogno, nel cuore, che ogni giorno ci spinge a trovare l’appagamento. Ci sono persone nel mondo che stanno cercando di portare la pace. Ma la pace non ha bisogno di essere portata da nessuna parte. Perché esiste già dentro di voi, è sempre esistita e finchè vivrete esisterà sempre. La pace di cui sto parlando è la pace che un soldato può provare nel bel mezzo del campo di battaglia. E’ la pace che un detenuto può provare nel bel mezzo di una prigione. Queste non sono parole vuote né sono sogni irrealizzabili. Il bisogno di ogni essere umano è sempre stato lo stesso. Quando Socrate diceva “Conosci te stesso”, di cosa parlava? Ora è diventato argomento di discussione nelle università. “Conosci te stesso”, perché sei tu la fonte di quello che stai cercando”. Prem Rawat ha quindi concluso dicendo: “Ho una visione per la pace? No. Ho qualcosa di più. E molto umilmente vi dico – molto umilmente – quello che state cercando è dentro di voi. Che la pace per te, in quanto essere umano sulla faccia di questa terra è interamente possibile. Rivolgiti dentro. E la proverai. La domanda poi diventa ‘Come faccio a guardare dentro?’. Comincia con l’apprezzare ogni giorno della tua vita”. La Presidente della Provincia di Trieste, Maria Teresa Bassa Poropat, ha consegnato a Prem Rawat un dono che simboleggia l’intreccio delle diverse etnie e culture che convivono nella sua provincia e ha ricordato come i confini non siano soltanto quelli tra stati ma anche quelli interiori, per la caduta dei quali è certamente responsabile ognuno di noi. Il Sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza, ha portato il saluto della città ricordando come l’evento segni l’inizio dei festeggiamenti per la caduta del confine con la Slovenia e, ringraziandolo per le sue parole, ha consegnato a Prem Rawat una targa con il simbolo del comune. La serata si è conclusa con i ringraziamenti alle autorità e a tutti gli ospiti i presenti, e con l’annuncio che la manifestazione sarà ospitata in altre regioni e città italiane nel 2008. Il Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Riccardo Illy, ha ricevuto Prem Rawat in occasione della conferenza, gli ha illustrato le caratteristiche etniche e culturali della Regione ed ha espresso apprezzamento per il lavoro dell’ospite in favore della pace. [gallery link="file" order="DESC"]

Il tema della manifestazione, che ha avuto come titolo "Pace, un messaggio senza confini", è stato il riconoscimento dell’azione in favore della pace svolta da Prem Rawat, il quale nell’arco della sua vita ha instancabilmente incoraggiato gli individui in tutto il mondo a considerare la pace come una necessità fondamentale nella propria esistenza, ed ha promosso numerose iniziative filantropiche in favore della dignità umana. Il suo messaggio di pace incoraggia il superamento di qualsiasi confine tra i popoli, gli individui, le culture. L'evento è stato ospitato nella Sala Zuccari di palazzo Giustiniani, presso la Presidenza del Senato. Organizzata dall’associazione Percorsi, la manifestazione si è svolta sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, il quale ha fatto pervenire un messaggio personale di incoraggiamento e augurio agli organizzatori e agli intervenuti. Il Presidente del Senato, senatore Franco Marini, che ha concesso ospitalità all’evento, ha inviato un messaggio di benvenuto nel quale ha dichiarato: “Il valore della pace è condizione necessaria per la crescita dell’umanità. La pace, infatti, è un messaggio in grado di giungere ed essere compreso da tutti gli uomini. Senza distinzioni etniche, religiose o politiche: di questo carattere universale ben si è fatto interprete Prem Rawat, che porta la sua visione alla conferenza odierna in Senato”. Il Sindaco di Roma ha inviato un messaggio di cui è stato latore l’assessore Jean-Léonard Touadi, che nel suo intervento ha dichiarato: “Porto il saluto di tutta la città e della Giunta, di tutti i romani, a un personaggio così importante come Prem Rawat, che intratterrà oggi questo pubblico su un tema così importante come la pace.” Sottolineando le numerose iniziative che Roma promuove e favorisce come “città della pace”, l’assessore Touadi ha elogiato Prem Rawat per il suo approccio all’argomento della pace, da lui trattato “con competenza, carisma e profondo senso etico”. La manifestazione ha visto l'intervento di due ospiti provenienti dal Libano e da Israele, i quali hanno fornito una testimonianza su come, grazie alla prospettiva fornita dal messaggio di Prem Rawat, la pace possa essere cercata e sentita anche nel pieno di un conflitto. Il Senatore a vita Presidente Emilio Colombo, uno dei maggiori sostenitori dell’iniziativa, nel suo intervento ha descritto così l’essenza del contributo di Prem Rawat al tema della pace: “L’aspetto più originale e interessante dei colloqui sulla pace che Prem Rawat va svolgendo in ogni parte del mondo, è questa: se vuoi la pace nel mondo, cercala prima di tutto dentro di te. È la ricerca di un equilibrio che ciascuno di noi difficilmente riesce a realizzare, ma che quando lo conquista ha veramente fatto una conquista che non riguarda solamente lui stesso, ma che si diffonde, crea le condizioni perché poi tutti i politici, coloro che si occupano dei rapporti tra le nazioni e gli stati possano avere il fondamento per realizzare il loro obiettivo”. “Vorrei augurare che ciascuno di quei popoli in contesa ritrovasse lo spirito che sollecita Prem Rawat, ritrovasse in sé l’equilibrio per abolire i contrasti etnici, la differenza tra le popolazioni, la differenza tra gli interessi, gli odi antichi e convincersi che solo entro il proprio animo, nell’animo di ciascuno, se si è realizzato l’equilibrio della pace si può guardare con amore agli altri. E la pace diventa una realtà." Prem Rawat, ospite d’onore dell’evento, ha dichiarato: “La pace che abbiamo necessità di sentire, e la pace di cui oggi dovremmo discutere nel mondo, in tutto il mondo, è il tipo di pace il cui riflesso sia il cessare dei conflitti ai confini delle nazioni. Ma ciò deve essere, appunto, un riflesso. Così come la guerra è la conseguenza di qualcosa, il cessare della guerra sarà solo una conseguenza. Una conseguenza del fatto che ogni persona, ognuno di noi, possa provare la pace dentro di sé.” Parlando poi dello stretto legame tra pace e sviluppo, Prem Rawat ha chiarito che la crescita della società e dell’uomo si basa sul fondamento della pace: “Abbiamo messo in secondo piano la pace in favore della prosperità, ma la pace deve venire prima della prosperità, e non viceversa. La pace è stata oggetto della ricerca di ogni civiltà del pianeta, ma la sete di pace risiede dentro ognuno di noi. E la realtà della pace è anch’essa dentro di noi. Da dove si può iniziare? Non da un qualsiasi fattore esterno, ma da noi stessi”. E ha poi aggiunto: “Se si vuole la pace sulla faccia della terra occorre accendere ognuna di queste lampade, chiamate esseri umani”. Elaborando la similitudine della lampada ha poi aggiunto che si debbono coltivare ogni giorno le vere priorità dell’esistenza, così come una lampada si mantiene accesa non solo grazie allo stoppino o al suo involucro ma soprattutto nell’olio che la alimenta. Prem Rawat ha quindi presentato una delle recenti realizzazioni della Prem Rawat Foundation, che si occupa di iniziative umanitarie in tutto il mondo: un centro permanente per l’assistenza alimentare costruito in India, nella regione di Ranchi, che serve centinaia di pasti a ragazzi e adulti ogni giorno. Il Presidente della Regione Basilicata, Vito De Filippo, ha consegnato una medaglia d’oro a Prem Rawat raffigurante un’antica moneta Lucana, in riconoscimento del suo lavoro in favore della pace, e dichiarando: “Nello straordinario discorso del signor Prem Rawat ho vissuto con emozione quanto talvolta parole usate ed abusate come la pace possano uscire rafforzate da prospettive importanti." “Io penso che la pace abbia bisogno anche di radici e penso che il contributo di radici e di storia che può dare anche una piccola regione sia una goccia di quell’olio che lui ci ha descritto, che noi dobbiamo costantemente versare nella lampada, per mantenere accesa una fiamma importante”. Anche l’assessore alla cultura e alla pace del Friuli Venezia Giulia, Roberto Antonaz, ha consegnato a Prem Rawat una medaglia a nome della sua regione. Ringraziando l’ospite, ha dichiarato: “Io credo che nella pace siano riassunte tutte le più grandi dimensioni della natura umana… ma soprattutto viene riassunto il più grande sentimento di cui l’uomo è capace, cioè l’amore. In politica la parola amore non si usa troppo spesso. E di questo si sente molta mancanza. Per questo io sono a dare a Mr. Rawat questo riconoscimento della mia regione, la regione Friuli Venezia Giulia, che vorremmo fosse una regione di pace”. Il Presidente del Consiglio Regionale del Friuli Venezia Giulia, Alessandro Tesini, ha consegnato a Prem Rawat un riconoscimento costituito da una targa raffigurante la fondazione di Aquileia, spiegando: “Ad Aquileia, la più grande città romana dopo Roma, nell’impero si diceva ‘si vis pacem para pacem’,  e non ‘bellum’… Credo sia questo il modo migliore per dire a nome del consiglio regionale della mia regione grazie a Prem Rawat per i ponti che continua a costruire ovunque, perché da Aquileia noi, duemila anni fa abbiamo tentato di costruire quei ponti dei quali, dopo duemila anni, c’è ancora bisogno”.

Livorno, 28 maggio 2005 – Pala Algida:  Prem Rawat ha parlato in occasione dell’evento  “Diamo una possibilità alla Pace” di fronte a un pubblico di circa 3000 persone delle quali oltre 1200 lo ascoltavano per la prima volta. Dopo gli interventi di benvenuto del  giornalista Angelo Baiguera e dell’architetto Alessandro Biagioni a nome degli organizzatori dell’evento, la dott.ssa Giulia Regoli ha portato la propria  testimonianza sull’impatto che  l'incontro con Prem Rawat ha avuto nella sua vita. Prem Rawat, accolto da un caloroso applauso, ha presentato la  sua prospettiva sulla pace:  “Nel mondo, ognuno ha un'idea diversa su cosa sia la pace.  Per qualcuno...

L'Associazione Percorsi nel 2005 ha messo in contatto la Fondazione Prem Rawat (TPRF), organizzazione che promuove iniziative di assistenza umanitaria nelle aree di crisi in tutto il mondo, con il Programma Alimentare Mondiale (World Food Programme), agenzia dell'Onu che si occupa di interventi di assistenza in campo alimentare. Nel corso di una cerimonia avvenuta a Palazzo Giustiniani, sede della Presidenza del Senato, il Presidente della TPRF, Prem Rawat, ha consegnato ai rappresentanti del Programma Alimentare Mondiale una donazione in favore delle vittime dello Tsunami in Indonesia. Sono intervenuti il Presidente Emilio Colombo, patrocinante dell'iniziativa e gli addetti dell' Ambasciata Indonesiana a...

La manifestazione, introdotta dal Senatore a vita Presidente Emilio Colombo, è stata la prima occasione di presentare il relatore principale, Prem Rawat, alle istituzioni nel nostro Paese. Il Senatore Colombo ha presentato così il pensiero dell'ospite: “Nella nostre riflessioni sulla pace, sovente ci siamo imbattuti in due definizioni di essa che appartengono alla nostra cultura e alle sue radici cristiane: la pace “tranquillitas ordinis“ oppure “opus iustitiae pax“. "Ma può esservi una “tranquillitas” che esista nelle cose, se prima non esiste nel cuore dell’uomo e ne guida l’agire? E potrebbe avere un impegno (opus) per la giustizia fra gli uomini e fra i...